PLANTARE DINAMICO

Come personalizzare il tuo plantare dinamico

Il Plantare Dinamico sostiene e riallinea i piedi, riabilitando muscoli e legamenti. Non è passivo, come quello tradizionale e aiuta, ad ogni passo, a dissipare l’energia che si genera impattando a terra con naturale ammortizzazione del piede. Invece, il grande limite dei plantari tradizionali o statici è il fatto di essere elementi passivi che alla lunga fanno perdere tono ai muscoli ed elasticità ai legamenti. Il plantare tradizionale blocca il movimento dell’arco medio con la conseguente importante riduzione della funzione ammortizzante dello stesso.

I plantari si dividono in medicali e sportivi e si differenziano in base all’ammortizzazione (cushioning) e alla rigidità (stiffness), per offrire al paziente il sostegno di cui ha bisogno in base al suo peso, alla conformazione del suo piede, alla patologia o all’attività che deve svolgere. Esiste anche una tipologia di plantari con un inserto aggiuntivo in PORON® XRD™ nella parte del tallone, utile per spine calcaneari o in caso di attività particolarmente intense.

I Vantaggi

  • sono al 100% personalizzabili e disponibili in diverse numerazioni;
  • sono realizzati con materiali traspiranti, resistenti all’abrasione e antiscivolo;
  • resistono a batteri, allergeni e funghi, grazie alla parte superiore con ­finitura di Silver Ion;
  • possono aiutare a curare, alleviare e prevenire patologie di protusione discale, spina calcaneare, eterometria degli arti inferiori;
  • aiutano a prevenire fratture da stress;
  • sono particolarmente indicati anche in casi di alluce valgo, dita a martello, metatarsalgia e neuroma di Morton;
  • aumentano le performance sportive, restituendo tono ed elasticità a muscoli e legamenti;
  • sostiengono e riallineano i piedi, riabilitando muscoli e legamenti;
  • hanno differenti rigidità torsionali e di compressione, che variano a seconda del paziente, della patologia, del peso o dello sport che pratica;
  • hanno una funzione attiva ammortizzante, diventando parte integrante della dinamica del piede.

Da un importante studio multicentrico che ha coinvolto tutte le Università di Medicina Podiatrica del nord America è emerso che oltre il 75% della popolazione ha un problema di mal allineamento dei piedi. Questi problemi di iperpronazione e supinazione, secondo il principio della catena cinetica, possono causare patologie in tutto il corpo: fascite plantare, tendinite dell’achilleo, tunnel tarsale, sindrome da stress tibiale mediale, sindro- me femororotulea, tendinopatia rotulea, lombalgia e mal di schiena.

Il Plantare Dinamico può aiutare a curare, alleviare e prevenire quelle patologie e, a differenza del plantare tradizionale o passivo, grazie alla sua funzione nativa ammortizzante offre un notevole supporto a tutte le patologie di protusione discale, spina calcaneare, eterometria degli arti inferiori e aiuta a prevenire fratture da stress. Il Plantare Dinamico, grazie a degli appositi supporti, è particolarmente indicato anche in casi di alluce valgo, dita a martello, metatar- salgia e neuroma di Morton.