DERMATOLOGIA

La Visita Specialistica

La visita dermatologica ha la funzione di controllare, monitorare e/o diagnosticare eventuali patologie cutanee, ossia della pelle rivolta non solo a coloro affetti da malattie della pelle già note.

ll medico di base può infatti prescrivere una visita di controllo dal dermatologo al fine di esaminare eventuali anomalie, ad esempio la comparsa di nuovi nei o la loro irregolarità, la presenza di pomfi, eruzioni cutanee, macchie della pelle.

La prima parte della visita consiste nell’anamnesi del paziente: lo specialista raccoglierà tutte le informazioni riguardanti lo stile di vita del paziente, il disturbo in questione ed eventuale familiarità con alcune patologie del derma. In questo modo avrà un quadro clinico chiaro del paziente e potrà procedere con la seconda parte della visita.

In questa seconda parte del controllo il medico andrà ad analizzare la problematica cutanea in questione, a seguito della quale potrebbe presentare la diagnosi oppure fare richiesta di ulteriori accertamenti (ad esempio: analisi del sangue, test allergologici, biopsia cutanea).

La visita dermatologica non ha bisogno di preparazioni particolari da parte del paziente, il quale deve però ricordarsi di portare con sé eventuali documentazioni di esami effettuati in precedenza.

La visita tricologica

La visita tricologica è una visita dermatologica volta allo studio delle patologie che interessano i capelli e il cuoio capelluto (dermatiti e dermatosi del cuoio capelluto). Serve inoltre a identificare e diagnosticare le cause di alopecia (perdita dei capelli) e diradamento dei capelli.

La valutazione del paziente con problematica di perdita dei capelli comprende anamnesi (raccolta della storia medica personale e familiare), esame clinico ed esami diagnostici non invasivi: pull test, osservazione a microscopio delle radici e del fusto del capello e tricoscopia.

La visita e questi esami permettono, nella maggior parte dei casi, di effettuare la diagnosi e di capire la causa della perdita dei capelli.

La visita tricologica è consigliata a tutte le persone con problematiche relative al cuoio capelluto e ai capelli. A chi soffre di dermatiti del cuoio capelluto, prurito, perdita e diradamento dei capelli.

Il lavaggio dei capelli e alcune procedure cosmetiche (stiratura dei capelli, tinte e decolorazioni recenti) possono falsare i risultati di alcuni esami diagnostici.

Pertanto è bene non lavare i capelli né effettuare tinture e decolorazioni nei 3-5 giorni precedenti la visita.

Dermatologia Mola di bari Dn medica

Le Attività

Presso il centro medico è possibile effettuare le seguenti attività dermatologiche
  • visita dermatologica
  • dermoscopia nevi (mappatura)
  • cura cicatrici e cheloidi
  • prick test atopia
  • peeling acne
  • asportazione fibromi penduli in anestesia locale
  • trattamento verruche volgari in anestesia locale
  • visita tricologica

Il Controllo dei nei

Una tipologia di visita specifica che effettua il dermatologo è la mappatura dei nevi (nei). Almeno una volta all’anno sarebbe infatti opportuno, soprattutto per le persone che hanno molti nei, sottoporsi a questo tipo di controllo, che consiste in un esame clinico del derma e nella dermoscopia in epiluminescenza (tecnica che si avvale di uno strumento ottico – il dermatoscopio – che permette di analizzare strati sub-cutanei non visibili a occhio nudo). Lo scopo è quello di controllare lo stato attuale dei nei, se ci sono state eventuali variazioni nell’aspetto (forma e colore) e diagnosticare eventuali melanomi (tumori della pelle) nella fase più precoce possibile. In questo modo il paziente avrebbe modo di intervenire tempestivamente con il trattamento più adatto. La mappatura effettuata dal dermatologo permetterà poi al controllo successivo di confrontare lo stato dei nei, evidenziando eventuali variazioni. Ogni volta che si rileva la comparsa di nuovi nei è bene consultare uno specialista dermatologo.